Pubblicazione1bis Alle partecipanti all'Incontro Provinciale di luglio 2018 la provincia ha deciso di fare un bellissimo  regalo.

Come preludio al nostro lavoro ci  viene offerto un pellegrinaggio nientemeno che a Grenoble, in visita ai luoghi natali di Filippina Duchesne.

Partenza il 12 luglio mattina in pullman. Giornata bellissima, il cielo ci è favorevole. Siamouna ventina di rscj e con noi partecipano anche due signore del Gruppo degli Amici del Sacro Cuore, Ada e Anna Maria. A Grenoble si uniranno a noi tre sorelle francesi venute da Lione, tra cui M. T. Thery conosciuta da molte di noi per il suo periodo trascorso a Trinità dei Monti come Direttrice dell'Accoglienza, e S. Clavier che ha fatto quest'anno la professione a Villa Lante e che sarà la nostra guida a Grenoble.

La distanza che separa Avigliana da Grenoble non è molta ed in un paio d'ore siamo sul posto:

 arrivo a Grenoblearrivo a Grenoble1

 Il pullman ci deposita sulla riva dell'Isère ai piedi della lunga scalinata che porta al Monastero, che la giovane Filippina avrà salito moltissime volte. Noi non siamo più così giovani e Sarah molto gentilmente si offre di fare un paio di giri con la sua auto per portare su quelle di noi che non ce la fanno. La maggior parte con molto coraggio decide di fare la scalata.salita al Monastero

 entrata

 

 

 

 

 

 

In breve siamo tutte in cima pronte ad iniziare il nostro pellegrinaggio con grande devozione.

Il Monastero di Sainte Marie d'en Haut oggi Museo della storia del Delfinato ci accoglie nella sua corte esterna,

 

targa cancello

 

 e immediatamente ci troviamo di fronte alla porta varcata da Sofia Barat nel lontano 1804.

Entrate nell'edifcio, ci raccogliamo in un momento di preghiera silenziosa, ricordando quel momento che ha segnato per sempre la vita di Filippina e la Storia della Societò del Sacro Cuore.

portadi ingresso

 

 

 

 

 

 

Rivediamo con gli occhi della memoria quella scena; Filipina che si prostra ai piedi di Sofia esclamando con il Profeta: "Come sono belli sui monti i piedi del messaggero di lieti annunzia che annunzia la pace, messaggero di bene che annunzia la salvezza!".     

 

       

Continuiamo la nostra visita, attraversando un altro corridoio dove è allestita una esposizione fotografica sulla storia del Delfinato in relazione a quella del monastero e tra le varie foto ce n'è una riguardante la presenza di Filippina Duchesne a Sainte Marie.

filippina nella storia del delfinato

attraversiamo il chiostro e ci fermiamo sul giardino terrazza da cui possiamo godere di una magnifica vista di Grenoble.

il chiostro

chiostro in giardino

  

 

 

 

 

 

                                                                

 

               lisere

     

un corridoio del chiostrovista della città  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

       Ritorniamo all'interno del Monastero per visitare la Chiesa, che oltre a ricordarci le notti di veglia in preghiera di Filippina, è memoria di San Francesco di Sales e Santa Giovanna di Chantal, fondatori dell'Ordine della visitazione e di questo che fu il quinto monastero eretto dal Santo Vescovo di Ginevra.

 

altare maggiore

altare s franc Sales

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dietro le grate

 

 

 

 

 

 

 

Ed eccoci dietro le famose grate che sono state testimoni di lunghi tempi di adorazione da parte di Filippina.

E come potere dimenticare quella notte così speciale del Giovedì Santo che vide la nostra Santa in adorazione del suo Amato per tutta la notte!

e il coro che avrò visto tante volte Filippina e le sue compagne visitandine pregare la liturgia delle ore.

il coro

Un'ultima occhiata al Monastero e dopo il pic-nic, scendiamo in città per visitare i luoghi che vivero nascere e crescere Filippina Duquesne

giardino

pergolato

 

 

 

 

 

 

 

il monastero

 

 

 

 

 

 

    

 

Eccoci dunque in città attraversando la piazza con il palazzo del Parlamento dove al tempo del Terrore vennero eseguite le due uniche condanne a morte con la ghigliottina che tanto impressionarono la giovane Filippina

hotel de ville

casa bpaterna Ci dirigiamo dunque verso la casa dove vide la luce la piccola Rose Philippine

targa casa natale

 

 

 

 

 

 

 

Qui viveva tutta la grande famiglia, i nonno, lo zio e al terzo piano la famiglia Duchesne.

 

Passiamo in seguito a visitare la chiesa dove fu battezzata Filippina e dove ancora oggi si può vedere il fonte battesimale l'altare dedicato a Filippina dopo la sua canonizzazione e che contiene anche una reliquia della Santa

fonte battesimalealtare dedicato a filippina

 

 

 

 

 

                  

   E per concludere e immortalare la visita non poteva certo mancare la...  rituale foto di gruppo sui gradini della chiesa!

    il gruppo           

                                      

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive