L’eredità di Filippinafillippna 5

 

 

Filippina scrisse un giorno a Sofia: “porto sempre nel mio cuore un gran timore di rovinare tutto dovunque io mi trovi e questo per alcune parole che mi sembra udire nel profondo del mio cuore: “sei destinata a darmi gloria non con i successi, ma con i tuoi fallimenti”.firma Filippina

 

E di fatto sperimentò molti fallimenti, ma per la forza del suo spirito missionario, la Società del Sacro Cuore si diffuse in tutto il mondo.

Grazie alla sua lealtà verso Maddalena Sofia Barat, la Società continuò ad essere un’unica Congregazione e l’internazionalità è una delle sue caratteristiche fondamentali.

downloadOggi le Religiose del Sacro Cuore servono in 41 paesi. Con lo spirito di Filippina, queste educatrici preparano i giovani al presente e al futuro; vanno sediaa cercare i più poveri e quanti non hanno voce nella nostra società. Ogni frontiera, ogni periferia, che affrontiamo, reclama pionieri che abbiano il coraggio di seguire la chiamata di Dio e la sapienza di pregare sempre.

Santa Rosa Filippina Duchesne morì il 18 novembre 1852 all’età di 83 anni nella sua stanzetta a St, Charles e fu sepolta nel piccolo cimitero del Convento.

La canonizzazione per acclamazione è scomparsa dall’uso della Chiesa cattolica, ma la testimonianza dei contemporanei è parte essenziale delle prove richieste dalla Chiesa nel processo volto a determinare l’eroicità delle virtù di colui/colei la cui causa è all’esame della Congregazione dei Santi.

49ritagliobisPochi giorni dopo la morte della Madre Duchesne, Madre Anna du Rousier scriveva da St. Louis:

“Qui tutti abbiamo la certezza di aver perso una santa. Il clero, e in particolare l’Arcivescovo, ne parlano con la più grande ammirazione. Mons. Kenrick ha dichiarato che aveva l’anima più nobile e virtuosa che lui abbia mai conosciuto. Il Padre de Smet dice che già durante la sua vita era degna di canonizzazione. Le nostre case d’America le devono tutto. Ci ha aperto la strada senza far conto delle infinite fatiche e privazioni. Ritendo di agire secondo il desiderio della nostra Madre generale sollecitando per lei i suffragi prescritti nella nostra Società per un Superiora Vicaria. È un omaggio di gratitudine che noi tutte dobbiamo alla memoria di questa venerabile Madre. Io sono arrivata appena in tempo per ricevere la sua benedizione e raccomandarle i bisogni delle nostre missioni: ha promesso di parlarne con fervore al Signore: io conto molto sulla sua intercessione che ritengo potente sul Cuore di Gesù”

 

50bis10 Shrine exterior Saint Charles 1952Tre anni dopo si cominciò a pensare concretamente che un giorno avrebbe potuto essere canonizzata e il suo corpo, trovato incorrotto, fu esumato e trasportato nella cappella ottagonale accanto all’Accademia del Sacro Cuore a St. Charles, Missouri.

Quando, il 12 maggio 1940 fu dichiarata Beata dal Papa Pio XII, il suo corpo fu nuovamente traslato e deposto nel sarcofago dove ora si trova, nella cappella costruita in suo onore    

Il 3 luglio 1988 S. Giovanni Paolo II celebrò la Canonizzazione di Filippina Duchesne

 

Preghiera per il Bicentenario di Rosa Filippina Duchesne

O911 philippine duchesne bronze statue by harry weberSpirito del Dio vivente, il 
tu per primo ti libravi sulle acque della creazione,

e poi un giorno hai ispirato una passione

nel cuore di Filippina Duchesne.

L'hai spinta ad attraversare le acque verso il Nuovo Mondo,

per portare il messaggio della tua compassione e del tuo amore 
a terre e popoli che erano già cari al tuo cuore.

Non conoscendo la lingua di quelle terre,

lei parlava la lingua del cuore -

dell’amore e della preghiera,

dell’attenzione e dell’apertura di spirito, 
della decisione incrollabile e della fede viva.

 

 

Noi, famiglia del Sacro Cuore, diffusa nel mondo,naif

siamo il raccolto del seme che lei ha seminato.

Benedici, oggi, il nostro mondo sempre nuovo, 
con lo spirito coraggioso e generoso di Filippino. 
Riempici del suo desiderio di oltrepassare i confini, 
er andare verso quelli che sono più lontani da ogni scintilla di speranza.

Rinnova in tutta la Chiesa lo spirito missionario

e dacci l'ardore di Filippina per diffondere

la tua compassione e il tuo amore per il mondo.

Chiediamo tutto questo nel tuo nome, o Dio Trino ed Unico,

il cui amore non conosce confini né limiti, 
Tu che ci mandi a far conoscere questo amore che vive nel cuore del mondo,

oggi e per sempre. Amen. 

 

 

Lettera per l’anno di preghiera - 23 ottobre 2017

“Possa quest’anno di preghiera con Filippina, rafforzare la nostra capacità di contemplare e di ascoltare i battiti del cuore di Dio in noi e nel nostro mondo. Potessimo noi, come lo fecero Sofia e Filippina, sentire l’esigenza dell’amore del Cuore di Dio, Gesù Cristo. Potessimo credere in una visione del Vangelo, più al di là di quanto noi possiamo vedere o immaginare che «tutti siano UNO», e fare di questa visione, con coraggio, fiducia e perseveranza, una realtà.

Con affetto e preghiera in un Solo Cuore”

                       

Come abbiamo vissuto questo anno?

Che cosa ci ha suggerito?

E il nostro rapporto con Filippina?

A breve celebreremo la festa liturgica: 18 novembre 2018.

Sarebbe bello condividere fra noi qualcosa – fosse pure una piccola frase, una preghiera, … - che ci faccia sentire quel “Cor Unum” che tanto ha sostenuto e per cui tanto ha lottato Filippina e che oggi noi vogliamo sperimentare ed esprimere «come unico corpo» nella nostra vita di comunità di preghiera, di azione apostolica.

·     Siamo tutte invitate a inviare a Antonella Aloisi o a Antonella Apolloni

qualche eco da far girare. Grazie.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive