Mondo e ONU

 

SIRIA PACE

Campagna per la Siria

 

Accorato AppelloBalloonPosterEn web

per la Siria

  dalla Caritas

Internazionale

 

"Uomini, donne e bambini innocenti continuano a pagare il prezzo più alto in questo interminabile conflitto in Siria, in particolare ad Aleppo, dove sono catturati nel fuoco incrociato delle forze ribelli e governative.

Papa Francesco sollecita i governi a trovare una soluzione politica alla guerra in Siria, come parte della campagna della Caritas “La Siria:. La pace è possibile".

Caritas Internationalis chiede a tutte le organizzazioni Caritas membri, conferenze episcopali nazionali, diocesi, parrocchie e gli uffici locali della Caritas a pregare in comunione con il Papa per la pace in Medio Oriente, e soprattutto per tutto il popolo siriano che continua ad affrontare una devastante guerra civile senza alcun segno di sollievo.

Questo importante evento sarà organizzato in occasione della partecipazione del Papa alla commemorazione ecumenica del 500 ° anniversario della Riforma, che si terrà 31 ottobre in Svezia.

L'idea alla base di questo evento, organizzato congiuntamente dalla Chiesa Cattolica Romana (Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani), Caritas Internationalis e il Mondo Federazione / Servizio Luterana Mondiale, è quello di trasformare in realtà il rapporto di passare dal conflitto alla comunione, con una particolare attenzione per i giovani e lo slancio della speranza che dà la commemorazione.

Papa Francesco, a fianco del Vescovo Munib Younan, presidente della Federazione Luterana Mondiale, e Rév.d Martin Junge, segretario generale della Federazione, guiderà un momento di preghiera congiunta basata sulla guida di preghiera cattolico-luterana di recente pubblicato "preghiera comune." Questa guida illustra come passare dal conflitto alla comunione. Si tratta di un documento congiunto che illustra gli sviluppi ecumenici tra chiese... "

 Con una piccola delegazione della Caritas Internationalis

 

ci sarà un momento di preghiera
nel pomeriggio di Lunedi, 31 ottobre 2016,
a Malmo, in Svezia.
 
"Tutti sono fraternamente e caldamente invitati 
ad unirsi in preghiera in questo momento,
ovunque ci si trovi nel mondo!"
 
 
Guarda,  ascolta...  rifletti e  PREGA....
 
 Appello di Papa Francesco  ...    https://www.youtube.com/watch?v=ZvX9xMBsnOM  
 
Video della Caritas Internazionale ... https://www.youtube.com/watch?v=FCfod8vNWr8
 

COP 21

 

Poiché la Conferenza dell’ONU sul Cambiamento climatico – COP 21 – è alle porte, vorremmo segnalarvi alcuni siti internet utili per seguire gli sviluppi del Summit a Parigi.

 

 


Nell’attesa, continuiamo a pregare perché le deliberazioni siano coraggiose e i risultati, di cui la terra ha tanto bisogno, decisivi. E naturalmente, per la sicurezza di tutti.

 

Ufficio ONG

Novembre 2015

 

25 novembre

   Il 25 novembre, ormai dal 1999 e,  in Italia dal 2005, è celebrato come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. In questa giornata si invitano, in particolare, governi, organizzazioni internazionali, associazioni, a realizzare iniziative per sensibilizzare tutti i cittadini a questa realtà sempre più tragica e diffusa purtroppo anche in italia e dolorosamente anche nelle mura domestiche.
   La data del 25 novembre fa memoria delleSorelle Mirabal
tre Sorelle Mirabal, barbaramente uccise nel 1960 perchè ritenute rivoluzionarie a causa del loro impegno contro la dittatura di Rafael Leònidas Trujillo (1930-1961) che nella Republica Dominicana impose violenze di ogni genere al popolo.
     E' sopratutto ai giovani che va indirizzata la sensibilizzazione affinchè crescano con una mentalità di rispetto della pari dignità uomo-donna, in quanto persona creata, per noi cristiani, ad immagine e somiglianza di Dio, degne di rispetto, accogliennza, complementarietà e reciprocità.
posto occupato  rid
 posto-occupato-locandina
  Quest'anno, il 9 marzo è stato firmato da varie Chiese Cristiane un appello congiunto forte e significativo affinchè si affronti con chiarezza  il problema e  si attui 'un’azione educativa e pastorale profonda e rinnovata' a riguardo.
 
   
 
 
CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
un Appello dalle Chiese Cristiane in Italia
 
     La violenza contro le donne è un’ emergenza nazionale. Ogni anno in Italia sono migliaia le donne che subiscono la violenza di uomini, ed oltre cento rimangono uccise. Il luogo principale dove avviene la violenza sulle donne è la famiglia: questo è un fatto accertato e grave.
   Questa violenza interroga anche le Chiese e pone un problema alla coscienza cristiana: la violenza contro le donne è un’offesa a ogni persona che noi riconosciamo creata a immagine e somiglianza di Dio, un gesto contro Dio stesso e il suo amore per ogni essere umano.
     Il rispetto della vita e la pari dignità di ogni creatura sono beni al cuore della fede cristiana, che ci invita ad abbattere i muri che discriminano, escludono, emarginano le donne.
     Come comunità cristiane rivolgiamo un appello alle istituzioni scolastiche ed educative, alle agenzie culturali e pubblicitarie, agli organi di stampa perché anch’essi promuovano un’immagine della donna rispettosa della sua identità, della sua dignità e dei suoi diritti individuali.
     Ma soprattutto le comunità cristiane in Italia sentono urgente la necessità di impegnarsi in prima persona per un’azione educativa e pastorale profonda e rinnovata che da un lato aiuti la parte maschile dell’umanità a liberarsi dalla spinta a commettere violenza sulle donne e dall’altro sostenga la dignità della donna, i suoi diritti e il suo ruolo nel privato delle relazioni sentimentali e di famiglia, nell’ambito della comunità cristiana, così come nei luoghi di lavoro e più in generale nella società.
     Continueremo a pregare, predicare, educare ed agire per sradicare la pianta cattiva di culture, leggi e tradizioni che ancora oggi in varie parti del mondo discriminano la donna, non di rado avvilendola nel ruolo di un semplice oggetto di cui disporre.
     Lo faremo annunciando che l’Evangelo che testimoniamo ci libera da ogni costrizione e ci fa tutti, uomini e donne allo stesso modo, creature dell’amore incommensurabile di Dio.                                           
      Roma, 9 marzo 2015

(Hanno firmato l'appello: Chiesa cattolica, Federazione delle chiese evangeliche in Italia, Sacra Arcidiocesi ortodossa d'Italia e Malta, Diocesi ortodossa romena, Amministrazione delle parrocchie del Patriarcato di Mosca, Chiesa copta ortodossa, Chiesa armena apostolica, Chiesa cattolica ucraina di rito bizantino, Chiesa cattolica nazionale polacca degli Stati Uniti d'America e Canada).

 

  

Giustizia, Pace e Integrità del Creato

JPIC

          CAMBIAMENTO CLIMATICO

UNA RISPOSTA

 

JPIC  SOCIETA DEL SACRO CUORE

 

 

Con l’invito ad agire di Papa Francesco nella sua «Laudato sii» e la Conferenza di Parigi sul riscaldamento del clima, organizzata per dicembre, siamo state esortate da molte voci della Società ad offrire una risposta collettiva come gruppo internazionale delle RSCJ insieme agli amici. La questione del cambiamento climatico è inderogabile e richiama l’attenzione mondiale. L’invito che segue si aggiunge alla sensibilizzazione che cresce un po’ dovunque nelle nostre province.

Che cosa? Noi speriamo che l’insieme della Società prenderà parte alla preghiera sue questo problema del riscaldamento climatico sia prima, che durante e dopo il Summit sul clima che avrà luogo a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre.

Che cos’è la Conferenza di Parigi sul clima? E' un incontro internazionale che vuole giungere a un accordo di tutte le nazioni del mondo sull’ambiente. Papa Francesco ha parlato dei popoli più vulnerabili colpiti dal riscaldamento climatico nella sua Laudato sii.

Quando? Preghiamo prima, durante e dopo la Conferenza di Parigi. Noi invitiamo le Province, le Comunità e i gruppi ad offrire il loro sostegno in questo tempo.

Come? Le coordinatrici JPIC nelle nostre Province promuoveranno questa iniziativa e inviteranno le Province le scuole/pensionati, i licei, le associate e ogni altro gruppo ad organizzare qualche forma di partecipazione a questo cerchio di preghiera. Potrà avere qualsiasi modalità, da una preghiera quotidiana a un’azione messa in atto in questa ottica.

Perché? Circondare di preghiera il pianeta è un’azione cui tutte possono partecipare. Noi speriamo che questa azione che faremo insieme incoraggerà i nostri sforzi di sensibilizzazione e ravviverà il nostro impegno e la nostra mobilitazione per questa questione del riscaldamento climatico.

Noi invieremo delle preghiere e dei sussidi per la liturgia a chi li riterrà utili.

Immaginate che possiamo essere un riflesso della visione di Santa Maddalena Sofia Barat che ha visto «una moltitudine di adoratrici» in preghiera, all’occorrenza, per questo aspetto ambientale e morale particolarmente cruciale per il nostro pianeta.

Siti utili:

www.cop21.gouv (en français, anglais et espagnol)

www.catholicclimatemovement.global (en français, italiano, anglais et espagnol)

www.cpj.ca (Anglais)

Preghiera

Dio d’amore, Dio creatore, aiutaci a diventare artefici della rivoluzione della tenerezza davanti alle minacce che nascono dalle disuguaglianze mondiali e dalla distruzione dell’ambiente.

Queste minacce sono interdipendenti. Sono fra le più gravi fra quelle che toccano oggi la nostra famiglia umana.

Aiutaci a fare la nostra parte nella protezione e la cura della nostra casa comune perché tu ci chiami al dialogo e ad una nuova solidarietà.

Illumina i nostri cuori, perché il bene della persona umana sia per noi il valore chiave che guida la nostra ricerca del bene comune universale del mondo-

Amen.

Adattamento della conclusione del Cardinale Turkson
alla conferenza annuale,
Quaresima 2015
a Trocaire in Irlanda il 5 Marzo 2015.  
trasformata in preghiera.

‘Pause pour la Paix’ Société du Sacré Cœur á l’ONU

 

Informazioni aggiuntive